I cookie ci aiutano a offrire servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie. Ulteriori informazioni

I.T.S.

Istituto Tecnico Superiore


 

Lettera per le scuole pagine orientamento USR TOSCANA


 

PROGETTO "GIOVANISI"

 


   guarda il video di presentazione della nostra scuola


 

Iniziative della Regione Toscana in materia di profilassi e vaccinazioni      


BROCHURE "G.CASELLI" SERVIZI COMMERCIALI PUBBLICITARI E SOCIO SANITARI 


  

  BROCHURE "G. CASELLI" OPERATORE DEL BENESSERE ESTETICA-ACCONCIATURA


 

NOTA MIUR: COMUNICARE VIA PEC
 

 
TEST CENTER ABILITATO AICA EROGAZIONE ESAMI NUOVA ECDL
 
IMAGE EDITING - SPECIALISED LEVEL
 

_________________________________________________________________________________

JUMPING PROJECT

L'ISTITUTO CASELLI OFFRE AGLI ALUNNI MERITEVOLI L'OPPORTUNITA' DI RECUPERARE ANNI SCOLASTICI
per informazioni: prof.ssa Beatrice Cappelli

 

 

01
01
Info Image ©
02
02
Info Image ©
03
03
Info Image ©
04
04
Info Image ©

I.P.S.S.C. "G. Caselli" - Siena

Filtro

Pubblicazione Graduatoria

ESAMI ABILITAZIONE

Esami abilitazione libera professione di perito industriale, agrotecnico, perito agrario, geometra 2018_Nota MIUR 9762 del 2018 - reperimento Presidenti e membri di commissione

ALL. MOD. A/2

NOTA REPERIMENTO COMMISSIONI

NOTA USR- COMMSISSIONI

Borse INPS Summer Camp

Borse INPS Summer Camp per Dirigenti Scolastici Hotel 4 Stelle Pescasseroli

 

FORMAZIONE DOCENTI SESS_AUTUN

Piano Formazione Docenti Ambito 024 - sessione autunnale

ESAMI DI STATO 2016-2017

ESAMI DI STATO 2016-2017

DOCUMENTO D15

Progetto Creala Tu

L’Istituto di Istruzione Superiore G. Caselli di Siena ha partecipato all’incontro “Il racconto della contraffazione. Sensibilizziamo i giovani” tenutosi a Roma presso il Ministero dello Sviluppo Economico nell’ambito della settimana Anticontraffazione con una rappresentanza degli alunni e alunne delle classi 3^C – 3^E – 5^C – 5^E con il progetto/logo “CrealaTu”

video "Creala Tu"

articolo siena.it

Progetto "Fuori Orario"

Progetto "FUORI ORARIO" a.s. 16-17 cinema/cittadinanza attiva - ass. Rete degli Spettatori

Invito Meeting

Semi di Pace International onlus, invito al X Meeting Internazionale "Esploratori di Valori"

Proroga Maker Fair

- la proroga dei termini per la presentazione di progetti innovativi per
Manifestazione "Maker Faire - The European Edition Rome 2016" – Call for
School;
· i protocolli di intesa sottoscritti dal MIUR con UCIMU-SISTEMI PER
PRODURRE e CONFTRASPORTO, volti a rafforzare il rapporto tra scuola e
mondo del lavoro.

Elezioni Consiglio Superiore P.I.

Elezioni Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione - Proclamzione degli eletti

Registrazione Tutor Accoglienti

RICHIESTA INFORMAZIONI SU REGISTRAZIONE TUTOR ACCOGLIENTI CORSO FORMAZIONE NEO ASSUNTI

Progetto Erasmus+KA1

ORARIO COLLOQUI CANDIDATI - CLASSI V

Graduatoria Def_ Concorso 24 mesi

Pubblicazione graduatoria definitiva concorso 24 mesi

Allegati documentazione

Pubblicazione Graduatoria Definitiva

Pubblicazione graduatoria definitiva concorso 24 mesi

Allegati documentazione

MOSTRA MNEMON

Link simulazioni Esami.Ecdl

TUTORIAL PER ATLAS 2.9

Alcuni link utili per simulazioni on line sui 7 moduli e sulla Nuova Ecdl:

 matematicamente.it

https://www.informaquiz.it/ecdl

IT SECURITY - SAMPLE TEST

SYLLABUS NUOVA ECDL

Simulazioni Nuova Ecdl

Test Nuova Ecdl

https://www.simulazioniecdl.com/

http://www.test-ecdl.it/computer-essentials.html

 

********************************

 

Consigliabile, prima di affrontare il primo esame, effetture il TUTORIAL PER ATALS 2.9

(vi permetterà di conoscere la tipologia degli esami dei 7 moduli)

e per ulteriori informazioni:

http://aicanet.net/certificazioni/ecdl

Orario delle lezioni

 

ORARIO CORSO SERALE  "servizi socio sanitari"

A.S. 2018-2019

SEDE DEL CORSO: I.I.S. “G. CASELLI” SIENA Via Roma 67

 *************************

 

ORARIO CORSO SERALE SERVIZI SS DAL 25 FEBBRAIO AL 13 GIUGNO 2019

 

 Orario Corso Serale Servizi SS

 dal 12 Novembre 2018 al 31 Gennaio 2019

 


 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Syllabus

Cos'è il Syllabus

Il Syllabus è il documento ufficiale che descrive in dettaglio ciò che il candidato deve sapere e saper fare per conseguire l'ECDL.

SYLLABUS ECDL BASE

ECDL Base è costituita dai seguenti 4 moduli (clicca sulle singole voci per scaricare il relativo Syllabus):

  • Computer Essentials
    Il presente modulo definisce i concetti e le competenze fondamentali per l'uso dei dispositivi elettronici, la creazione e la  gestione dei file, le reti e la sicurezza dei dati. È un’evoluzione dei moduli IT Concepts e Using computer and managing file (moduli 1 e 2 dell’ECDL Core).
  • Online Essentials
    Il presente modulo definisce i concetti e le competenze fondamentali necessarie alla navigazione in rete, a un'efficace metodologia di ricerca delle informazioni, alla comunicazione online e all'uso della posta elettronica.
  • Word Processing
    Il presente modulo richiede che il candidato dimostri la capacità di usare un programma di elaborazione testi per creare lettere e documenti.
  • Spreadsheets
    Il presente modulo richiede che il candidato comprenda il concetto di foglio elettronico e dimostri di saperlo usare per produrre dei risultati accurati.

I moduli - Word Processing - e - Spreadsheets - sono invariati rispetto alla precedente certificazione (moduli 3 e 4 dell’ECDL Core).

SYLLABUS ECDL FULL STANDARD

ECDL Full Standard è composta, oltre che dai quattro modulo dell'ECDL Base, dai seguenti tre moduli (clicca sulle singole voci per scaricare il relativo Syllabus): 

  • IT Security
    Il presente modulo definisce i concetti e le competenze fondamentali per comprendere l'uso sicuro dell'ICT nelle attività quotidiane e per utilizzare tecniche e applicazioni rilevanti che consentono di gestire una connessione di rete sicura, usare Internet in modo sicuro e senza rischi e gestire in modo adeguato dati e informazioni.
  • Presentation
    Il presente modulo richiede che il candidato dimostri competenza nell'utilizzo del software di presentazione
  • Online collaboration
    Il presente modulo definisce i concetti e le competenze fondamentali per l'impostazione e l'uso di strumenti per la collaborazione online, quali memorie di massa, applicazioni di produttività, calendari, reti sociali, riunioni via web, ambienti per l'apprendimento e tecnologie mobili.

Il modulo Presentation rimane invariato rispetto alla precedente certificazione (modulo 6 dell'ECDL Core).

SYLLABUS NUOVA ECDL

Soddisfazione Clienti

Soddisfazione Clienti

PROCEDURE DELLA QUALITÀ

PQ 8.1.1

RILEVAMENTO DEL GRADO DI SODDISFAZIONE DEI CLIENTI

            1  Scopo

            2  Responsabilità operative

            3  Modalità

            4  Modulistica applicabile

1       SCOPO

Definire i criteri per la raccolta delle informazioni sulle percezione dei Committenti riguardo al modo in cui l'Istituto abbia soddisfatto i requisiti contrattuali, nonché sulle valutazioni dei partecipanti (utenti) ai corsi in merito alla soddisfazione delle proprie aspettative.

2       RESPONSABILITÀ

La Direzione Scolastica ha il compito di stabilire i metodi per ottenere e utilizzare le informazioni utili per valutare il grado di soddisfazione dei Committenti in modo da individuare le opportunità di miglioramento dei servizi o dei processi.

Il Personale operativo (Tutors e Docenti), che si trova frequentemente a contatto con i partecipanti (utenti), provvede alla rilevazione (formale o informale) delle informazioni significative in materia.

3       MODALITÀ

3.1     Monitoraggio dei Committenti (erogatori)

Al fine di indirizzare le indagini conoscitive verso elementi omogenei e quindi aggregabili, è stato predisposto un questionario (Form 8.1.1a), riportante gli elementi che possono influenzare il grado di soddisfazione dei Committenti, riguardo alle prestazioni svolte dall'Istituto.

Il questionario viene arricchito con i quesiti emergenti dal rapporto con i vari Committenti (o classi di Committenti), che possono avere percezioni e aspettative anche diverse da loro.

In linea generale gli elementi di valutazione riguardano:

  • v Rispetto dei tempi di svolgimento dei corsi
  • v Rispondenza della qualità dei risultati rispetto ai requisiti contrattuali
  • v Rispondenza della qualità dei risultati rispetto alle aspettative
  • v Professionalità e competenza dimostrata dal personale
  • v Mantenimento di un adeguato flusso informativo verso il Cliente e verso le Autorità competenti
  • v Capacità di gestione degli aspetti amministrativi

In corrispondenza di ogni elemento è previsto un punteggio di valutazione che prevede la seguente gradazione:

  • F 1 punto: valutazione: molto scadente
  • F 2 punti: valutazione: insufficiente
  • F 3 punti: valutazione: appena sufficiente
  • F 4 punti: valutazione: buono
  • F 5 punti: valutazione: ottimo

Per ogni corso, in funzione delle sue caratteristiche e del tipo di Committente, il Dirigente dell'Istituto provvede ad assegnare un peso appropriato a ciascuno degli elementi sopra elencati.

Il questionario potrà essere utilizzato per chiedere al Cliente il suo giudizio, oppure, in alternativa, per indirizzare le valutazioni in merito effettuate direttamente da parte dell'Istituto.

Alla chiusura di ogni corso/progetto il questionario appositamente preparato viene sottoposto al Cliente per riceverne (telefonicamente o per iscritto) le sue valutazioni.

In mancanza di risposte, il Coordinatore del Corso, con la collaborazione del personale operativo coinvolto, provvede a riempire il questionario, sulla base delle indicazioni e delle percezioni raccolte personalmente e dalle altre persone che si sono interfacciate con i rappresentanti del Committente .

Trattando elementi abbastanza fattuali (rispetto dei tempi programmati; qualità dei risultati; rispetto del capitolato; flussi di informazioni; disbrigo delle incombenze contabili e burocratiche), la valutazione interna rappresenta comunque una valutazione abbastanza oggettiva ed attendibile della possibile valutazione del Cliente sugli stessi elementi presi in considerazione.

Per ogni elemento si ottiene un giudizio "pesato" dato dal prodotto del punteggio di valutazione e del peso precedentemente scelto.

Il livello di soddisfazione ottimale è dato, per ogni elemento, dal suo peso per il punteggio massimo (5 punti).

Il livello reale di soddisfazione del Committente (esplicito oppure valutato internamente), viene espresso percentualmente rapportando la somma dei punteggi "pesati" raggiunti dai vari requisiti rispetto al valore massimo raggiungibile per l'intero questionario.

I vari questionari vengono raccolti dal Dirigente dell'Istituto, in modo da ricavarne un valore medio per l'intera gamma di corsi/progetti svolti e per la stessa tipologia di Committenti.

3.2     Monitoraggio dei partecipanti ai corsi

Il monitoraggio del livello di gradimento dei fruitori dei corsi di formazione viene effettuato utilizzando un apposito questionario di valutazione (Form 8.1.1b).

Gli elementi di giudizio sottoposti ai partecipanti riguardano:

  • v completezza dei contenuti
  • v rispondenza al programma presentato
  • v concretezza degli esempi
  • v chiarezza dell'esposizione
  • v preparazione dei Docenti
  • v capacità di gestione dell'aula
  • v competenza acquisita
  • v utilità del materiale didattico ricevuto
  • v adeguatezza degli strumenti didattici utilizzati
  • v confort ambientale (illuminazione, temperatura, ricambi d'aria, disponibilità di spazio, arredamento)

In corrispondenza di ogni elemento è previsto un punteggio di valutazione che prevede la seguente gradazione:

  • F 1 punto: valutazione: molto scadente
  • F 2 punti: valutazione: insufficiente
  • F 3 punti: valutazione: appena sufficiente
  • F 4 punti: valutazione: buono
  • F 5 punti: valutazione: ottimo

Il questionario viene distribuito ai partecipanti, spiegando che esso ha l'unico scopo di aiutare l'Istituto a migliorarsi, correggendo i suoi punti deboli e consolidando i suoi punti forti, a vantaggio degli utenti stessi dei corsi di formazione.

Al termine di ogni progetto il Coordinatore del Corso (o il Tutor) provvede a ritirare i questionari e quindi a calcolarne i punteggi medi di ciascun quesito, nonché il punteggio complessivo.

La documentazione raccolta viene rielaborata ed utilizzata per le valutazioni in merito descritte nella Sezione 8.4 del presente Manuale

4       MODULISTICA APPLICABILE

FORM 8.1.1a Questionario per monitoraggio soddisfazione dei Committenti

FORM 8.1.1b Questionario di valutazione dei partecipanti ai corsi

Documenti per la Qualità

Documenti per la Qualità

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE "G. CASELLI" PROCEDURA PQ 6.1.2 Manutenzione HW e SW

PROCEDURE DELLA QUALITÀ

PQ 6.1.2

MANUTENZIONE HW E SW

1  Scopo

2  Applicabilità

3  Responsabilità Operative

4  Modalità

5  Modulistica applicabile

1      SCOPO

Lo scopo della presente Procedura è quello di definire le linee generali per la manutenzione delle apparecchiature, al fine di garantirne la disponibilità e l'efficienza al momento dell'utilizzo.

2      APPLICABILITÀ

La presente Procedura è applicabile alle principali tipologie di apparecchiature di proprietà dell'Istituto, che presentano le seguenti caratteristiche:

  • Valore economico rilevante, per cui una cattiva manutenzione può causare danni alle risorse disponibili.
  • Impatto rilevante sulla sicurezza, per cui una rottura o un cattivo funzionamento possono causare danni a cose o persone.

La Procedura non si applica alle apparecchiature non critiche riguardo agli aspetti sopra menzionati, per i quali viene assicurata, a cura degli stessi operatori, una manutenzione di routine, secondo le indicazioni delle case costruttrici e secondo prassi aziendale.

Il Dirigente scolastico decide in merito a quali apparecchiature rientrano nella prima o nella seconda delle categorie sopra descritte.

3      RESPONSABILITÀ OPERATIVE

I Tecnici della Manutenzione HW e SW hanno la responsabilità della pianificazione e supervisione delle attività di manutenzione delle apparecchiature HW e SW.

Provvedono al monitoraggio ed al controllo periodico delle apparecchiature segnalando eventuali anomalie o malfunzionamenti degli stessi.

Gestiscono il rapporto con centri di assistenza esterni qualificati, a cui vengono affidati i lavori più specialistici di riparazione e/o di manutenzione.

Il Responsabile GQ ha il compito di elaborare e tenere aggiornate le "Schede Manutenzione HW e SW" (Form 6.1.2a), sulla base delle indicazioni ricevute dai Tecnici Manutenzione HW e SW.

4      MODALITÀ

Il personale operativo ha il compito di controllare periodicamente, ed in modo accurato, le apparecchiature loro affidate e di segnalare ogni sintomo di situazione insoddisfacente e/o di deterioramento della piena efficienza degli stessi.

La frequenza delle operazioni di manutenzione periodica viene stabilita sulla base delle raccomandazioni (quando esistenti) del fornitore dei mezzi, oppure in base alle effettive necessità del momento.

Generalmente la frequenza degli interventi periodici di manutenzione varia in funzione del tipo di mezzo; l'intervento di manutenzione è comunque necessario ogni qualvolta l'apparecchio origini, nel personale operativo addetto al suo utilizzo, dei dubbi sulla sua efficienza.

La manutenzione delle apparecchiature HW e SW può essere svolta internamente oppure essere affidata a Terzi.

La Scheda Manutenzione è uno strumento di programmazione della manutenzione ordinaria e di registrazione degli interventi di riparazione o di manutenzione straordinaria.

Nella Scheda Manutenzione vengono riportate le seguenti informazioni:

  • tipologia dell'apparecchio sottoposto a manutenzione;
  • casa costruttrice, nonché tipo, modello e matricola dell'apparecchio;
  • tipologia e frequenza degli interventi di manutenzione periodica;
  • principali interventi di riparazione o di manutenzione straordinaria effettuati.

L'Istituto non giudica utile registrare gli interventi di manutenzione ordinaria (programmata), che comunque sono documentati dalle fatture dei fornitori coinvolti.

5      MODULISTICA APPLICABILE

Form 6.1.2a   "Scheda Manutenzione HW e SW"

Gestione Ruolo Coord.Prog.

Gestione Ruolo Coord. Progetto

ISTRUZIONE  DI LAVORO

IdL 04

GESTIONE DEL RUOLO DI

COORDINATORE DELLE ATTIVITA'

ESECUTIVE DI PROGETTO

•1.      Scopo

•2.      Responsabilità operative

                                    

•3.      Modalità

•1)         SCOPO

Scopo della presente istruzione è definire le responsabilità e le attività che il Coordinatore deve garantire, con riferimento alle attività formative assegnate.

•2)         RESPONSABILITA' OPERATIVE

La presente istruzione si applica ai servizi di Coordinatore di attività formative e di orientamento, di aula e di stage, effettuati sia da dipendenti che da fornitori. Tale specifica viene allegata, in copia cartacea, ai contratti stipulati con i fornitori, come condizioni generali di contratto. Per i dipendenti che svolgono i servizi in questione, la presente specifica è consultabile  in copia cartacea controllata.

•3)         MODALITA'

Il Coordinatore rappresenta la figura che si occupa della esecuzione del Progetto..

E' un ruolo determinante per il buon esito e l'efficacia nella realizzazione dei servizi formativi e di orientamento, ne ha la visione globale in corso di erogazione.

La buona riuscita del progetto, sia sotto il profilo dell'efficacia che della soddisfazione degli utenti, dipende dalle attività di monitoraggio in corso d'erogazione, sia dal punto di vista di Progetto che organizzativo.

Il Coordinatore è il supporto principale alla Commissione Attività Formative ed a lui possono essere delegate alcune delle funzioni di direzione in relazione all'organizzazione e alla realizzazione dell'attività formativa.

Nel caso in cui il Coordinatore si trovi al primo incarico, viene adeguatamente addestrato ed informato, prima dell'erogazione del suo servizio, da personale che ha già svolto tale mansione. Può essere affiancato dal suddetto personale in Progetti di particolare complessità..

Le attività sotto elencate sono riportate al fine di facilitare il Coordinatore nell'esecuzione delle proprie mansioni.

Si fa presente che la gamma di tali mansioni può essere ridotta in funzione delle specifiche progettuali e/o delle reali esigenze di supporto alla Commissione Attività Formative.

- Supporto al progettista durante le attività di progettazione

- Comunicazioni con il Cliente

  • assicura la comunicazione con gli utenti dei servizi formativi, sulla base delle indicazioni fornite dalla Commissione Attività Formative
  • assicura la comunicazione su questioni inerenti il servizio formativo con Partner di progetto, e con Clienti, su indicazione della Commissione Attività Formative

- Comunicazioni con i fornitori

  • Assicura la comunicazione con i docenti e con altri fornitori direttamente coinvolti nell'erogazione del servizio
  • Comunica il recapito telefonico dell'ufficio o altro recapito, un indirizzo di posta elettronica ai docenti e ad altri fornitori al fine di assicurare le comunicazioni

- Comunicazioni con la Commissione Attività Formative

  • Riceve linee guida e specifiche mansioni per il coordinamento del corso, assicura la diffusione della comunicazione per il coordinamento tra Commissione Attività Formative, tutor, docenti e altri consulenti coinvolti nel corso.

- Segnalazioni

  • Comunica tempestivamente alla Commissione Attività Formative ed alla Direzione Scolastica anomalie, disservizi, malfunzionamenti, o altri problemi che si sono presentati in corso di erogazione dell'attività formativa, anche nella fase di stage, compresi reclami verbali degli utenti

Assicura:

- La verifica, in via preliminare, delle  domande di iscrizione pervenute, e il supporto nella fase di ammissione degli allievi.

- L'organizzazione delle selezioni;

- La pianificazione dell'erogazione della docenza attraverso la stesura del calendario da concordare con i docenti compatibilmente con la disponibilità delle aule;

- Il coordinamento del corpo docente da realizzare attraverso riunioni;

- La verifica con i docenti del materiale di Progetto necessario allo svolgimento del corso e dei test da somministrare agli allievi;

- L'organizzazione dello stage aziendale, in collaborazione con il tutor, sulla base della normativa vigente e delle specifiche contenute nel progetto;

- L'organizzazione delleventuale 'esame di qualifica sulla base della normativa vigente e delle specifiche contenute nel progetto;

- Il controllo dell'attività del tutor dal quale verrà supportato nello svolgimento dei propri compiti relativi alla gestione del corso;

- Le comunicazioni di ordinaria amministrazione inerenti gli aspetti di rendicontazione delle attività effettuate, con il personale dell'Ufficio Amministrazione, e le comunicazioni inerenti necessità di variazione del calendario del corso;

- La predisposizione della time card e della relazione che riepilogano l'attività svolta;

- La distribuzione ed il ritiro di questionari per la rilevazione della soddisfazione degli utenti e la consegna al Responsabile Gestione Qualità per l'analisi dei dati

- La raccolta e la verifica di tutta la documentazione relativa al corso in funzione della rendicontazione e la sua trasmissione all'ufficio amministrazione  entro 30 giorni dal termine dell'attività formativa

 

 

 

 
 
 

PCQ Finale

PCQ Finale

ISTITUTO DI ISTRUZIONE

SUPERIORE "CASELLI"

PIANO CONTROLLO QUALITÀ             N° STD 03

Redatto: 01/09/2008

Tipo di corso: Corsi di formazione

Fase: Controllo finale dei risultati

Descrizione dei controlli

Responsabilità di esecuzione

Attestazione prevista (*)

Stato dei controlli (**)

  • 1.

Completamento del programma

Docenti

Firme Registro presenze

 
  • 2.

Recupero e/o controllo attrezzature

Tutor d'aula

Presente PCQ

 
  • 3.

Valutazione finale dei partecipanti

Docenti

Verifiche di fine modulo o di fine corso

 
  • 4.

Grado di soddisfazione dei partecipanti

Responsabile Attività Formative

Questionario F 8.1.1b

 
  • 5.

Risultati di apprendimento

Commissione d'esame o Docenti

Verbale di esame

 
  • 6.

Livello delle competenze acquisite

Docenti

Verifiche di fine modulo o di fine corso

 

7.

Verifica situazione assenze

Tutor d'aula

Ammissione all'esame

 

Note:

Corso:                                Corso:

Si attesta l'esecuzione (con esito positivo) dei controlli sopra descritti

Firma RGQ :

Data:

(*) attestazione: può essere il PCQ stesso (compilato e firmato); oppure più PCQ (compilati e firmati); oppure appositi Verbali o Certificati; o altri documenti

(**) Stato dei controlli: da siglare o spuntare dopo l'effettuazione di ciascun controllo o serie di controlli

PCQ Preparazione

PCQ Preparazione

ISTITUTO DI ISTRUZIONE

SUPERIORE "CASELLI"

PIANO CONTROLLO QUALITÀ     N° STD 01

Redatto: 15/01/04

 

Tipo di corso: corsi di formazione a progetto

Fase:

 

Descrizione dei controlli

Responsabilità di esecuzione

Attestazione prevista (*)

Presente PCQ

Stato dei controlli (**)

 
  • 1.

Disponibilità e funzionalità delle attrezzature

Tutor

     
  • 2.

Idoneità degli ambienti

"      "     "

     
  • 3.

Adeguatezza della sequenza (scaletta) degli argomenti

Tutor e Coordinatore

     
  • 4.

Adeguatezza e completezza delle dispense da distribuire

Tutor e Coordinatore

     
  • 5.

Coerenza tra programma e disponibilità delle risorse (docenti, aule, attrezzature)

Commissione attività formative

     
  • 6.

Prerequisiti di accesso dei partecipanti

Tutor e Coordinatore

     
  • 7.

Adesioni effettive

Tutor

     
  • 8.

Consapevolezza dei partecipanti rispetto al programma, ai contenuti e agli obiettivi del corso

"      "     "

     
  • 9.

Distribuzione del programma/calendario

"      "     "

     
  • 10.

Distribuzione del materiale didattico

"      "     "

     
  • 11.
Livello motivazionale dei partecipanti

Coordinatore e Docenti

Rapporto

   

Note:

Corso: 01/05a                    Corso:

 
 

Si attesta l'esecuzione (con esito positivo) dei controlli sopra descritti

Firma RGQ :

data: 08/01/2007

 
 

(*) attestazione: può essere il PCQ stesso (compilato e firmato); oppure più PCQ (compilati e firmati); oppure appositi Verbali o Certificati; o altri documenti

(**) Stato dei controlli: da siglare o spuntare dopo l'effettuazione di ciascun controllo o serie di controlli

Esecuzione dei Corsi

Esecuzione dei Corsi

PROCEDURE DELLA QUALITÀ

PQ 7.5.1

SVOLGIMENTO DEI PROCESSI FORMATIVI

            1  Scopo

            2  Applicabilità

            3  Responsabilità operative

            4  Modalità

            5  Modulistica applicabile

1       SCOPO

Descrivere le responsabilità operative e le modalità per assicurare che i processi esecutivi avvengano in modo pianificato e controllato, nel rispetto dei requisiti contrattuali, delle specifiche di progetto, degli standard dell'Istituto.

2       APPLICABILITÀ

La presente Procedura si applica alle seguenti tipologie di attività formative:

  • v Corsi a catalogo
  • v Corsi a commessa

La fase di riesame contratto, cioè di riesame degli impegni da assumere e di avvio delle attività operative è descritta nella Procedura PQ 7.2.1.

La progettazione, spesso interconnessa l'erogazione dei servizi formativi, è trattata nella Sezione 7.3 e nella Procedura PQ 7.3.1.

Il controllo dei processi formativi è trattato nella Sezione 8.2 e nelle relative Procedure.

3       RESPONSABILITÀ OPERATIVE

La Direzione Scolastica ha la responsabilità della gestione ed assegnazione delle risorse, garantendo la disponibilità di personale qualificato (docente e non docente), di adeguati locali e attrezzature.

Provvede alla pianificazione e coordinamento generale delle attività formative.

Ha la responsabilità della supervisione e del controllo delle attività svolte nell'ambito dei corsi a calendario, nel rispetto del programma di svolgimento, delle metodologie formative previste e delle aspettative degli iscritti.

Interviene per la risoluzione dei problemi più critici.

Supervisiona la corretta esecuzione dei controlli previsti sui servizi formativi.

Può svolgere personalmente i compiti di Coordinatore e di Tutor (di seguito descritti) quando tali ruoli non sono svolti da altri collaboratori.

I Coordinatori hanno la responsabilità della programmazione, coordinamento, supervisione e controllo delle attività svolte nell'ambito dei corsi a progetto di propria competenza, nel rispetto dei contenuti dei progetti esecutivi stessi, dei programmi di svolgimento e dei requisiti contrattuali.

Verificano il perseguimento degli obiettivi riguardanti il rispetto dei Capitolati (qualità), dei programmi (tempi) e costi preventivati.

Mantengono il rapporto di interfaccia con il Committente (erogatore).

Verificano i registri compilati dai Docenti.

I Tutors hanno il compito di mantenere i rapporti di interfaccia con i Docenti e con i Clienti (partecipanti ai corsi), di raccogliere e soddisfare le loro esigenze.

Provvedono alla messa a disposizione delle attrezzature e dei materiali didattici idonei, nei modi e nei tempi previsti.

Intervengono per il superamento dei problemi e degli imprevisti.

Definiscono, per quanto di sua competenza, proposte di risoluzione delle eventuali Non Conformità.

Collaborano nell'esecuzione dei controlli in corso di svolgimento dei servizi e finali, nonché nel rilevamento del grado di soddisfazione dei Committenti e dei fruitori dei corsi.

I Docenti hanno il compito di assicurare il corretto svolgimento dei processi formativi di propria competenza, nel rispetto dei progetti e dei requisiti contrattuali (impegni assunti), secondo le direttive ricevute dalla Direzione Scolastica.

Eseguono i controlli di propria competenza riguardo ai contenuti del progetto esecutivo (scalette e contenuti), all'avanzamento delle attività, al grado di attenzione e di ricezione da parte dei destinatari dei corsi.

4       MODALITÀ

4.1     Pianificazione attività

All'acquisizione di un nuovo contratto (su commessa), oppure al momento della decisione di attivare un corso a catalogo, la Direzione Scolastica provvede affinché venga aggiornato il "Portafoglio dei corsi" (Form 7.5.1a), che elenca i corsi da svolgere o in svolgimento, con i titoli, i codici di identificazione, nonché le date previste per l'inizio e la fine dei corsi stessi.

La pianificazione dei corsi a catalogo viene effettuata (annualmente) in occasione di apposite riunioni del Consiglio di Istituto in cui vengono impostate le attività per il periodo successivo.

Gli strumenti di programmazione di dettaglio sono i calendari, gli orari e, quando necessario, appositi quadri di riepilogo degli impegni (assunti o programmati) e delle risorse necessarie (docenti e aule).

Questo permette di avere una panoramica sempre aggiornata degli impegni assunti, in corso di svolgimento, delle risorse impegnate, delle scadenze, delle criticità, ecc.

La Direzione Scolastica provvede alla messa a disposizione delle risorse, mediante lettere formali di incarico ai Docenti esterni o tramite aggiornamento degli impegni se trattasi di Docenti interni.

La pianificazione di ogni nuovo corso su commessa inizia con la compilazione della Scheda Corso (Form 7.2.1a), descritta nella Procedura PQ 7.2.1.

Sulla base dei capisaldi contrattuali, il Coordinatore del corso provvede a confermare o modificare il programma di dettaglio presentato in fase di offerta, costituito da un diagramma a barre (Form 7.5.1b) o da un calendario, con la descrizione delle singole fasi (moduli), la sequenza e la durata di ognuna.

In corso di svolgimento, il Coordinatore del corso, con la collaborazione del personale docente coinvolto, avrà quindi cura di controllare periodicamente l'avanzamento delle attività e quindi il rispetto del programma.

4.2     Svolgimento corsi di formazione (a catalogo e a commessa)

i Prima dell'avvio delle attività esecutive, il Coordinatore del Corso provvede a svolgere le seguenti attività:

  • v predispone l'elenco dei partecipanti;
  • v redige il calendario di dettaglio di ogni singolo modulo formativo (comprese le attività non in aula come stage o tirocini) con le date, gli orari, la durata e la sede.

Il calendario di dettaglio di ogni singolo modulo viene trasmesso ad ogni docente coinvolto.

  • v verifica la disponibilità di personale idoneo (come qualifiche e professionalità) e quindi attiva i Docenti e altro personale coinvolto nell'erogazione del servizio;
  • v ove previsto, trasmette ai Docenti coinvolti le dispense ed il materiale didattico di loro competenza, in modo che abbiano il tempo per rinfrescare i temi che dovranno trattare;
  • v predispone i locali e le attrezzature necessarie, oppure verifica la loro disponibilità, quando contrattualmente a carico del Committente, avvertendo il Committente stesso in caso di rilevamento di qualsiasi non conformità;
  • v predispone il materiale didattico e di supporto in quantità congrua con il numero dei partecipanti;
  • v organizza i servizi esterni di supporto (ove previsti): ristorazione, trasporto, ecc.

Il corso si esplica secondo le modalità, le scalette e le sequenze descritte nel progetto esecutivo, oppure, se trattasi di un corso a catalogo, secondo quanto previsto nel programma, fino allo svolgimento delle prove di esame finale (se previsto).

Il Coordinatore, al momento dell'accoglimento dei partecipanti, provvede ad illustrare i contenuti salienti e gli obiettivi del corso, a segnalare i servizi di supporto (con i relativi tempi e modi), a ribadire il calendario e gli orari, a formulare le raccomandazioni del caso (lettura del regolamento).

Ove previsto, viene effettuato un colloquio motivazionale con gli iscritti.

Durante lo svolgimento del corso, il Coordinatore assicura il coordinamento dei vari ruoli che intervengono nel processo di erogazione del servizio.

Si tratta di un'attività indispensabile, soprattutto nei casi di progetti articolati e complessi.

I Docenti incaricati, sulla base del programma, delle specifiche dei moduli di propria competenza, e delle indicazioni ricevute, provvedono allo svolgimento dell'attività formativa.

Nel corso di svolgimento del processo formativo vengono svolti i controlli previsti nei Piani Controllo Qualità (PCQ) applicabili.

A fine del corso i Docenti hanno il compito di redigere una valutazione per ciascun partecipante il livello motivazionale riscontrato, il livello delle competenze acquisite e quindi il giudizio finale riguardante i parametri indicati (di volta in volta) nella relativa specifica del modulo (o del corso).

Quando è previsto l'esame finale, viene redatto anche il relativo verbale della commissione, che attesta i risultati ottenuti dal progetto formativo.

Il personale docente ha il compito di segnalare ogni situazione che possa pregiudicare gli esiti ed il livello qualitativo del servizio.

Nel trattamento della relativa Non Conformità, il personale docente fornirà ogni supporto, di metodo e di contenuto, per favorire il superamento definitivo del problema e per ripristinare, nel più breve tempo possibile, le condizioni ottimali di svolgimento del servizio.

4.3     Chiusura dei corsi di formazione (a catalogo e a commessa)

Dopo il completamento del programma e l'esecuzione di tutte le attività previste dal progetto, vengono recuperate e/o verificate le attrezzature impiegate.

Si provvede quindi alla rendicontazione finale o agli altri adempimenti amministrativi previsti o richiesti.

Il corso viene considerato chiuso soltanto dopo che sono stati completati tutti gli obblighi e gli impegni assunti.

L'attestazione che il progetto formativo è stato svolto in modo completo e conforme ai requisiti previsti viene resa evidente con le modalità indicate nei Piani Controllo Qualità (PCQ) applicabili, come riportato nelle Procedure PQ 8.2.1 e PQ 8.2.2.

5       MODULISTICA APPLICABILE

Form 7.5.1a    "Portafoglio Contratti"

Form 7.5.1b    "Programma del corso (a barre)"

Mappa Competenze

Mappa Competenze

IdL 01

MAPPA delle COMPETENZE MINIME RICHIESTE al PERSONALE e ai DOCENTI

1  Scopo

2  Applicabilità

3  Contenuti

1       SCOPO DELLA PROCEDURA

La presente Istruzione Operativa ha lo scopo di definire le esperienze necessarie per svolgere i ruoli rilevanti ai fini della qualità dei servizi formativi offerti dall'Istituto.

2.      APPLICABILITÀ

La presente Istruzione è applicabile a tutte le persone, che costituiscono la risorsa umana su cui l'Istituto conta per lo svolgimento della sua missione.

Riguarda sia il Sistema di Gestione per la Qualità, sia i processi gestionali ed esecutivi, sia gli aspetti legati alla sicurezza.

Le eventuali esigenze specifiche di esperienza e professionalità legate alle specifiche mansioni sono riportate nelle relative schede personali.

3.      CONTENUTI

Docenti

Il profilo professionale dei Docenti è costituito da competenze disciplinari, psicopedagogiche, metodologiche-didattiche, organizzativo-relazionali e di ricerca, che si sviluppano col maturare dell'esperienza didattica, l'attività di studio e di sistematizzazione della pratica didattica.

I contenuti della prestazione professionale del personale docente si definiscono nel quadro degli obiettivi generali perseguiti dal sistema nazionale di istruzione e nel rispetto degli indirizzi delineati nel piano dell'offerta formativa della scuola.

La qualifica dei Docenti coinvolti nell'attività didattica curriculare è regolamentata dalle Leggi vigenti e dal CCNL 2002/2005 e si basa sul seguenti fattori:

  • v conseguimento di adeguato titolo di studio (laurea nelle discipline previste per le materie di insegnamento);
  • v superamento dell'apposito esame di abilitazione;
  • v graduatorie provinciali
  • v graduatoria da concorso
  • v graduatoria interna scuola di appartenenza.

Sulla base di questi elementi i Docenti assegnati all'Istituto sono da considerarsi in possesso di un adeguato livello di conoscenze e abilità rispetto alle esigenze previste dai programmi ministeriali.

Per i Docenti provenienti da altre Scuole Pubbliche coinvolti nello svolgimento dei corsi di formazione organizzati dall'Istituto valgono le stesse considerazioni sopra esposte.

Docenti progettisti

Il profilo professionale dei Docenti Progettisti, da valutare in base al curriculum fa riferimento ad una figura che è in grado di:

  • - migliorare la qualità del sistema Agenzia Formativa e più in generale del sistema scuola e dei rapporti con il Territorio di riferimento
  • - migliorare le prospettive della formazione professionale al fine di valutare i cambiamenti di questa in rapporto all'organizzazione del lavoro, agli sviluppi tecnologici e ambientali, alle trasformazioni sociali e ai bisogni del mercato
  • - identificare le nuove competenze dei corsisti della formazione professionale al fine di considerare in modo integrato bisogni, obiettivi e opportunità di utilizzo delle risorse economiche
  • - lavorare in gruppo
  • - proporsi obiettivi possibili, verificabili, flessibili

Costituisce titolo preferenziale nella nomina esperienza documentata negli ambiti suddetti.

Per tutto quanto sopra è necessaria la specifica conoscenza della norma ISO9001-2000 con particolare riferimento a quanto previsto relativamente alle attività formative in genere e progettuali in particolare.

Altresì è da ritenersi fondamentale la capacità di analisi e di sintesi dei dati di ingresso.

La qualifica dei tecnici di laboratorio e del personale ATA è soggetta ai seguenti vincoli:

La qualifica dei non Docenti coinvolti nell'attività scolastica è regolamentata dalle Leggi vigenti e dal CCNL 2002/2005 e si basa sul seguenti fattori:

Tecnici di Laboratorio

  • v diploma di qualifica di istituto professionale ad indirizzo specifico
  • v diploma di maestro d'arte ad indirizzo specifico
  • v diploma di scuola media integrato da attestato di qualifica rilasciato al termine dei corsi regionali ai sensi dell'Art. 14 della Legge 845 del 1978.

Personale ATA - Amministrativi

  • v diploma di qualifica professionale ad indirizzo specifico (addetto alla segreteria aziendale, alla contabilità di aziende; operatore della gestione aziendale; operatore di impresa turistica.
  • v diploma di scuola media integrato da attestato di qualifica specifica per i servizi nel campo amministrativo-contabile, rilasciato al termine dei corsi regionali ai sensi dell'Art. 14 Legge 845 del 1978.

Personale ATA - Collaboratori scolastici

  • v Licenza media inferiore
  • v Titoli di servizio presso amministrazioni

Per i Professionisti coinvolti, come Docenti esterni, nello svolgimento dei corsi di formazione organizzati dall'Istituto occorre un'esperienza lavorativa di almeno 5 anni in settori congruenti con gli argomenti trattati nelle docenze di propria competenza.

Come titolo di studio occorre:

  • v diploma di scuola media superiore con specializzazione compatibile con la materia insegnata, esperienza di insegnamento di almeno 5 anni e partecipazione a corsi di specializzazione in argomenti congruenti con le materie di insegnamento per un totale di almeno 40 ore;

oppure,

  • v laurea in discipline compatibili con la materia insegnata e partecipazione a corsi di specializzazione in argomenti congruenti con le materie di insegnamento per un totale di almeno 40 ore.

Il personale non docente neo-assunto o adibito a nuovi incarichi, riceve uno specifico addestramento tramite affiancamento di almeno 2 settimane da parte di altro personale più esperto.

Il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione deve aver partecipato ad uno specifico corso sull'applicazione del Dlgvo 626/94 gestito da Organismo qualificato, secondo le indicazioni e prescrizioni della normativa vigente.

Il Responsabile GQ dovrà avere:

  • almeno diploma di scuola media superiore
  • aver ricevuto uno specifico programma formativo (interno od esterno) di almeno 40 ore
  • buona conoscenza dell'ambiente scolastico.

Questo requisito si ritiene acquisito dopo 6 mesi di rapporto con l'Istituto.

Il personale addetto alle Verifiche Ispettive interne dovrà avere:

  • Adeguata conoscenza del Sistema Qualità e della Norma di riferimento.

Questo requisito viene acquisito tramite uno specifico programma formativo (interno od esterno) di almeno 40 ore, seguito da un periodo di almeno un anno di applicazione del Sistema Qualità nella propria Organizzazione.

  • Adeguata preparazione sulla conduzione delle Verifiche Ispettive interne.

Questo requisito viene acquisito tramite uno specifico addestramento (interno od esterno) di almeno 12 ore, seguito da affiancamento pratico nel corso di almeno 3 Verifiche Ispettive interne condotte dal Consulente e dall'auto-apprendimento a seguito di 2 Verifiche Ispettive dell'Organismo di Certificazione.

  • Perfetta conoscenza dell'ambiente scolastico.

Questo requisito si ritiene acquisito dopo 12 mesi di rapporto con l'Istituto.

Gestione Ruolo Docente

Gestione Ruolo Docente

ISTRUZIONE  DI LAVORO

IdL 03

GESTIONE DEL RUOLO DI DOCENTE

•1. Scopo

•2. Responsabilità operative

•3. Modalità

•1) SCOPO

Scopo della presente istruzione è definire le responsabilità e le attività che il docente deve garantire, con riferimento alle attività formative assegnate.

•2)     RESPONSABILITA' OPERATIVE

Il Coordinatore controlla la corretta applicazione della presente istruzione. Ogni docente all'interno dell'Istituto ha la responsabilità dell'osservanza delle disposizioni contenute nella presente Istruzione in quanto compatibili con la normativa scolastica e per la parte di propria competenza.

La presente istruzione si applica ai servizi di docenza per attività formative, di aula o di laboratorio, sia effettuati da dipendenti sia da docenti esterni. Tale specifica viene allegata, in copia cartacea, ai contratti stipulati con i docenti esterni, come condizioni generali di contratto. Per i dipendenti che svolgono i servizi in questione, la presente specifica è consultabile  in copia cartacea controllata.

•3) MODALITA'

Il contributo che il docente può fornire per la qualità di un corso è critico. La buona riuscita del corso dipende sia dalla sua competenza nella materia, ma anche dalla sua capacità di gestire l'aula, di coglierne gli aspetti emotivi, e dalla sua capacità di comunicare.

Nel caso in cui il docente si trovi al primo incarico, viene adeguatamente informato dal Coordinatore  prima dell'inizio dell'erogazione del corso anche mediante consegna dell'apposita documentazione: le attività sotto elencate sono riportate al fine di facilitare il docente nell'esecuzione delle proprie mansioni.

Il Docente assicura:

1. L'inoltro al Coordinatore  o ad altra figura indicata dalla Commissione Attività Formative dell'eventuale richiesta di attrezzature e strumenti didattici che intende utilizzare per l'erogazione della docenza.

Con riferimento al software, il docente deve comunicare al Coordinatore la tipologia di software che intende usare durante lo svolgimento delle lezioni. Tali richieste devono pervenire in forma scritta anche tramite posta elettronica almeno sette giorni in anticipo rispetto alla data di utilizzazione prevista. Il docente è tenuto a controllare il corretto uso delle attrezzature a disposizione degli allievi per lo svolgimento della lezione.

2. L'inoltro al Coordinatore, o ad altra figura indicata dalla Commissione Attività Formative, del materiale didattico che verrà utilizzato nella docenza per la supervisione dello stesso, almeno sette giorni in anticipo rispetto alla data di utilizzazione prevista. Il docente dovrà far pervenire al tutor, prima delle proprie lezioni in aula e se disponibile, il materiale didattico da consegnare agli allievi. II materiale didattico dovrà comprendere tutti gli argomenti trattati durante le ore assegnate al docente. Tale materiale dovrà essere consegnate al tutor almeno tre giorni prima della distribuzione, e comunque nei tempi necessari per provvedere alle copie e alla consegna ai discenti.

In casi particolari potrà venire autorizzata l'integrazione dei materiali didattici durante lo svolgimento del corso, previa analisi del Coordinatore.

3. Il docente prima dell'inizio della lezione deve controllare che ogni allievo presente abbia firmato il registro nella parte entrata.

4. Il docente dovrà consegnare il registro al tutor che lo terrà a disposizione per la firma degli allievi che straordinariamente entrano dopo l'orario d'inizio lezione o che escono prima del termine della lezione. Al termine di ogni lezione il tutor provvederà a riconsegnare il registro in aula nel quale il docente, con riferimento ad ogni ora d'insegnamento, dovrà indicare, l'argomento trattato e apporre la propria firma.

5. Nel caso eccezionale in cui l'allievo necessiti di uscire prima del termine delle lezioni, il docente è tenuto a comunicarlo al tutor e/o al Coordinatore, se presenti,  e comunque ad annotare nel registro l'ora effettiva di uscita. Se trattasi di allievi minorenni, deve esserci autorizzazione scritta del genitore o presenza del genitore stesso. Il docente può decidere di effettuare una pausa (massimo 15 minuti ogni due ore di lezione) nell'orario che ritiene più opportuno in base alle esigenze degli allievi.

7. Il docente al termine dell'erogazione del proprio modulo è tenuto, ove previsto, a compilare delle schede di valutazione generali per ogni allievo consegnate dal Coordinatore per conto dell'Istituzione Scolastica, nonché a predisporre delle esercitazioni atte a valutare la preparazione raggiunta dai singoli discenti all'interno dello stesso modulo.

8. Il docente è tenuto a rispettare l'orario concordato con particolare riferimento all'orario d'inizio e di termine delle lezioni. In riferimento al calendario delle lezioni stabilito per ogni docente non potranno essere effettuati cambiamenti né di orario, né di giorno. Tali cambiamenti possono essere autorizzati solo in casi eccezionali preventivamente concordati almeno una settimana prima con il Coordinatore..

9. Il docente è autorizzato a far rispettare le buone norme comportamentali dei discenti durante lo svolgimento delle lezioni, segnalando al Coordinatore, o al tutor, eventuali elementi di disturbo che pregiudicano l'erogazione della docenza.

10. L'ingresso e l'uscita dall'edificio dovrà avvenire in ottemperanza alle norme di sicurezza interne. In caso di incendio o di altro evento accidentale, i docenti sono tenuti ad evacuare i locali secondo il piano di evacuazione affisso ad ogni piano, di cui si prega di prenderne visione.

Gestione Ruolo Tutor

Gestione Ruolo Tutor

ISTRUZIONE DI LAVORO

IdL 05

GESTIONE DEL RUOLO DI

TUTOR

•1. Scopo

•2. Responsabilità operative

•3. Modalità

•1) SCOPO

Scopo della presente istruzione è definire le responsabilità e le attività che il tutor deve garantire, con riferimento alle attività formative assegnate.

•2) RESPONSABILITA' OPERATIVE

La presente istruzione si applica ai servizi di tutoraggio di attività formative e di orientamento a bando o non a bando, di aula e di stage. Tale istruzione viene allegata, in copia cartacea, ai contratti stipulati con i fornitori, come condizioni generali di contratto. Per i dipendenti che svolgono i servizi in questione, la presente istruzione è consultabile in copia cartacea controllata.

•3) MODALITA'

Il tutor è la figura che più di ogni altra interagisce con gli utenti delle attività formative; è l'interlocutore primario dell'utente, del quale coglie stato d'animo e aspettative, anche non espresse; si attiva affinché le attività programmate vengano realizzate in modo conforme a quanto prestabilito: per questo la buona riuscita del corso dipende anche dalle sue capacità di gestire l'aula e dalla sua collaborazione e comunicazione con il Coordinatore.

Nel caso in cui il Tutor si trovi al primo incarico, viene adeguatamente addestrato dal Coordinatore  prima dell'inizio dell'erogazione del corso. Le attività sotto elencate sono riportate al fine di facilitare il Tutor nell'esecuzione delle proprie mansioni.

Si fa presente che la gamma di tali mansioni può essere ridotta in funzione delle specifiche progettuali e/o delle reali esigenze di supporto al Coordinatore.

Comunicazioni con il Cliente

assicura la comunicazione con gli utenti, sulla base delle indicazioni fornite dal Coordinatore

comunica agli utenti il recapito telefonico dell'ufficio, un indirizzo di posta elettronica o altro recapito al fine di agevolare le comunicazioni

Comunicazioni con i fornitori

Supporta il Coordinatore nella comunicazione con i docenti

Comunica ai docenti e ad altri fornitori il recapito telefonico dell'ufficio, un indirizzo di posta elettronica o altro recapito al fine di assicurare le comunicazioni

Comunicazioni con il Coordinatore

Comunica tempestivamente al Coordinatore ed alla Commissione Attività Formative, che informeranno il Responsabile Gestione Qualità, anomalie, disservizi, malfunzionamenti, o altri problemi che si sono presentati in corso di erogazione dell'attività formativa, anche nella fase di stage, compresi reclami verbali degli utenti.

Assicura:

il controllo preventivo della funzionalità delle attrezzature didattiche utilizzate;

la predisposizione dell'aula attrezzata secondo il calendario previsto;

il controllo e la corretta tenuta del registro di classe mediante verifica delle firme degli allievi sia in entrata che in uscita;

la verifica delle firme dei docenti e la descrizione del programma didattico svolto;

l'apposizione della propria firma nel  registro di classe in base alle ore di incarico;

il controllo del registro del materiale didattico mediante

a)verifica delle firme degli allievi ogni volta che viene consegnato del materiale;

b)conteggio del materiale distribuito ai fini della rendicontazione;

la consegna al Coordinatore di una copia delle dispense distribuite.

il controllo del registro di stage mediante:

a)verifica delle firme degli allievi;

b)verifica delle firme del tutor aziendale, ove previsto;

c)apposizione della propria firma in base alle ore d'incarico;

la predisposizione della documentazione relativa alla gestione del corso sia in formato cartaceo che elettronico mediante:

a)aggiornamento del calendario d'aula;

b)aggiornamento del file delle presenze degli allievi sia in riferimento all'aula che allo stage;

il supporto al Coordinatore nell'organizzazione dello stage, della relativa documentazione e nella preparazione della documentazione relativa all 'esame;

il supporto all'attività di monitoraggio mediante:

a) consegna e ritiro dei questionari di soddisfazione erogati agli allievi;

b) raccolta  delle relazioni di stage preparate da ogni allievo;

c) la formulazione di giudizi inerenti le prestazioni dei singoli docenti al termine dei moduli a seguito delle necessarie informazioni raccolte anche in aula durante le lezioni e le attività del corso;

la comunicazione ed aggiornamento con  il Coordinatore circa la situazione dell'aula (rapporti con i docenti, situazione delle assenze, eventuali problematiche);

la predisposizione della time card e della relazione che ne riepilogano l'attività svolta;

la consegna al Coordinatore della documentazione sopra descritta (sia in formato cartaceo che elettronico) entro 10 giorni dalla conclusione del corso.

Orario

Orario Segreteria

 
Istituto Statale di Istruzione Superiore "Giovanni Caselli"

sede legale Via Roma, 67 - Siena

tel. 0577/40394 - Fax 0577/280161 - e-mail: siis00400l@istruzione.it - istitutocaselli@ecert.it(PEC)

"CASELLI"

Istituto Professionale Statale  

per i Servizi Commerciali e  Turistici

Siena - Via Roma, 67

"MARCONI"

Istituto Professionale Statale

per l'Industria e l'Artigianato

Siena - Via Pisacane, 5

"MONNA AGNESE"

Istituto Tecnico Statale

per Attività Sociali-Biologico-Linguistico

Siena - Via del Poggio, 16

APERTURA degli UFFICI di SEGRETERIA

GIORNO DELLA SETTIMANA

O R A R I O

U T E N T I

L u n e d ì

08.20  -  09.00

PERSONALE INTERNO*

 
 

12.30  -  13.40

PERSONALE INTERNO*

PUBBLICO

M a r t e d i

08.20  -  09.00

PERSONALE INTERNO*

 
 

11.00  -  12.30

PERSONALE INTERNO*

PUBBLICO

 

15.00  -  17.00

PERSONALE INTERNO*

PUBBLICO

M e r c o l e d ì

08.20  -  09.00

PERSONALE INTERNO*

 
 

12.30  -  13.40

PERSONALE INTERNO*

PUBBLICO

G i o v e d ì

08.20  -  09.00

PERSONALE INTERNO*

 
 

11.00  -  12.30

PERSONALE INTERNO*

PUBBLICO

 

15.00  -  17.00

PERSONALE INTERNO*

PUBBLICO

V e n e r d ì

08.20  -  09.00

PERSONALE INTERNO*

 
 

12.30  -  13.40

PERSONALE INTERNO*

PUBBLICO

*(Personale Docente, Ata e Alunni)                                                               

                                                                                                                                                                                 Il Dirigente Scolastico

                                                                                                                                                  (Valeria Bertusi)

PCQ in Itinere

PCQ in Itinere

ISTITUTO DI ISTRUZIONE

SUPERIORE "CASELLI"

PIANO CONTROLLO QUALITÀ             N° STD 02

Redatto: 01.09.08

Tipo di corso: Corsi di formazione a progetto

Fase: In itinere

Descrizione dei controlli

Responsabilità di esecuzione

Attestazione prevista (*)

Stato dei controlli (**)

  • 1.

Adeguatezza degli orari scelti

Docenti

Firma Registro presenze

 
  • 2.

Avanzamento del programma rispetto agli obiettivi

"      "     "

"    "       "

 
  • 3.

Adeguatezza degli argomenti trattati e dei contenuti

"      "     "

"    "       "

 
  • 4.

Efficacia del materiali didattico utilizzato

"      "     "

"    "       "

 
  • 5.

Funzionalità degli strumenti di lavoro

"      "     "

"    "       "

 
  • 6.

Efficienza dei servizi di supporto

"      "     "

"    "       "

 
  • 7.

Mantenimento del livello motivazionale dei partecipanti

"      "     "

"    "       "

 
  • 8.

Verifica n° assenze per ogni studente

tutor

Prospetto riepilogativo assenze

 

Note:

Frequenza dei Controlli previsti:

Corso:                    Corso:

Si attesta l'esecuzione (con esito positivo) dei controlli sopra descritti

Firma RGQ :

Data:

(*) Attestazione: può essere il PCQ stesso (compilato e firmato); oppure più PCQ (compilati e firmati); oppure appositi Verbali o Certificati; o altri documenti

(**) Stato dei controlli: da siglare o spuntare dopo l'effettuazione di ciascun controllo o serie di controlli

"G.Caselli" by Giovanni S. & Anna P.

Copyright 2011 I.P.S.S.C. "G. Caselli" - Siena. Custom Footer text
Joomla Templates by Wordpress themes free